Video

Alcuni comportamenti come telefonate, sms, e-mail, “visite a sorpresa” e perfino l’invio di fiori o regali, possono essere graditi segni di affetto che, tuttavia a volte, possono trasformarsi in vere e proprie forme di persecuzione in grado di limitare la libertà di una persona e di violare la sua privacy, giungendo perfino a spaventare chi ne è destinatario suo malgrado. A diventare “molestatore assillante” o “stalker” può essere una persona conosciuta con cui si aveva qualche tipo di relazione o perfino uno sconosciuto con cui ci si è scontrati anche solo per caso, magari per motivi di lavoro.

L’ascolto è alla base dei rapporti umani perché è il presupposto primario per una comunicazione efficace. Tutti abbiamo bisogno di comunicare,pensiamo quanto è triste avere dei pensieri  da comunicare e non avere nessuno a cui dirli. Ciò porta ad ingrandire questi pensieri fino a dare la sensazione di soffocare e sentirsi soli e incompresi. Al giorno d’oggi solitudine e incomprensione sono “malattie” problematiche e diffusissime e ciò è un paradosso se pensiamo a tutte le possibilità che abbiamo di comunicare ,ad esempio nei tanto amati social networks

E’ indubbiamente un'annosa questione fin dai tempi di Aristotele e Platone che sostenevano che un senso di controllo personale è vitale nell’esistenza umana. In psicologia si è affermato che il concetto di sé non si può maturare senza un senso di controllo personale,ma poi altri hanno sostenuto che la libertà è volontà individuale sono solo illusioni in quanto il comportamento di ognuno è controllato   dalle risposte positive o negative che l’ambiente fornisce in relazione al comportamento stesso.